Locale

Badolato Gil Botulino da 4 anni in rete

Badolato - Ancora restano 600.000 contatti, poi potrà leggersi "congratulazioni sei il milionesimo visitatore". Parliamo di Gil Botulino (www.gilbotulino.it) il sito internet badolatese curato da Pasquale Andreacchio che ha festeggiato in questi giorni 400.000 visite dopo quattro anni di "vigorosa" presenza in rete. Durante gli anni GilBotulino si è arricchito di notizie, foto e tanto materiale che riguarda principalmente Badolato. è stato protagonista di tante battaglie politiche e sociali ed è spesso diventato un punto di riferimento dei dibattiti nel basso-jonio, se non a volte, l'opinion leader di essi. In quest'ultimo anno, la sensazione che si è avuta è quella che i toni alla Savonarola che avevano caratterizzato lo stile e la linea editoriale del sito siano un po' calati. Forse l'avanzare dell'età ha frenato gli impeti e anche l'opinione "virtuale" comincia a metter su i capelli grigi diventando più riflessiva. Ma GilBotulino, come ci sembra di capire, è ancora un bimbo che sta crescendo. Ogni mese nascono nuove rubriche e cominciano ad essere presenti non solo foto ma anche brevi filmati. Quanto basta insomma per augurare buon compleanno a Gil Botulino per il suo quarto anno di vita e cento di questi giorni (chissà come sarà internet fra un secolo) nella speranza che la torta offerta ai numerosi giornalisti, attenti lettori delle e-mail che arrivano da Gil, non sia solo virtuale.Fabio Guarna (Fonte Il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Speciale elezioni regionali 2005 – Calabria

Candidati e coalizioni

Voti

%

Partiti

Voti

%

Seggi

Seggi Coal.

UDC FORZA ITALIA AN NUOVO PSI CON ABRAMO MOV.IDEA SOC. RAUTI

112892 108606 107937 58458 27160 4158

10.4 10.0 9.9 5.4 2.5 0.4

6 5 5 3 0 0

1

19

20

DS MARGHERITA UDEUR SDI-ALTRI RIF.COM. PROGETTO CALABRIE UNITI PER CALABRIA REP.EUR.-ALTRI LISTA CONSUMATORI

168335 157678 94373 74448 56003 45704 37050 26802 1744

15.4 14.5 8.7 6.8 5.1 4.2 3.4 2.5 0.1

7 7 4 3 2 2 0 0 0

5

25

30

ALTER.SOC.MUSSOLINI

7184

0.6

0

-

DEM.CRIST.ECOLOGISTI

816

0.1

0

-

Read More »

Un giorno da ricordare, l'ITC intitolata ad Antonino Calabretta

Soverato - Un giorno da ricordare per l'ITC e per la città"Un giorno da ricordare", si leggeva così sulla parete della sala convegni dell'Istituto tecnico commerciale di Soverato, e così è stato. Un atto dovuto, un riconoscimento giusto alla figura di un uomo che vide nel ruolo delle scuole la chiave per la crescita della città e che fece della politica uno strumento al servizio dei cittadini: Antonino Calabretta, sindaco di Soverato negli anni 1956-1967, 1970 -79, 1983-84. L'ITC da oggi è a lui intitolato per volontà del dirigente scolastico Nicola Limardo e del Collegio dei docenti, volontà subito condivisa dall'Amministrazione comunale, che in soli tre mesi ha approntato l'iter necessario. Ed in una sala gremita di autorità civili, militari, religiose, semplici cittadini, sindaci del comprensorio, docenti, genitori e studenti, e, naturalmente, i familiari dell'indimenticabile sindaco, introdotta dalla professoressa Sandra Tassoni, ha avuto inizio la cerimonia. Il parroco Don Italo Sammarro, ricordando che Antonino Calabretta fu uomo (), ha benedetto il nuovo labaro della scuola; quindi la parola al dirigente scolastico che palesemente emozionato ha definito () la giornata ed ha ringraziato il sindaco Raffaele Mancini e la sua Giunta per aver subito condiviso l'intitolazione della scuola ad un personaggio prestigioso, (). E mentre Limardo stava per concludere il suo intervento, a sorpresa ha fatto il suo ingresso il neo eletto Presidente della Giunte regionale, Agazio Loiero, che più tardi preciserà che la sua partecipazione è stata legata a motivi affettivi verso la figura di Antonino. Breve, ma significativo l'intervento del sindaco Mancini, il quale ha sottolineato che l'Amministrazione comunale ha subito riconosciuto il valore dell'iniziativa d'intitolazione dell'Itc ad un uomo che ha saputo essere (). Il dirigente scolastico regionale Mercurio è stato rappresentato dal dottore Giovanni Coluccio, che, affermando che (), ha invitato la scuola a proseguire sulla strada intrapresa. È toccato ad un decano dell'ITC, il professore Domenico Corigliano, che assieme ai professori Giovanni Greco e Vincenzo Guarna e con la collaborazione del giornalista Fabio Guarna ha prodotto il libretto "Corsi, percorsi e discorsi", sulla storia dell'istituto e sulla biografia di Antonino Calabretta, sintetizzare la lunga storia della scuola. E lo ha fatto chiaramente emozionato, ricordando quanti non ci sono più, 47 anni di storia, dal 58, anno in cui nasce a Soverato la Ragioneria, come sezione staccata del "Grimaldi" di Catanzaro, ad oggi, passando per l'anno dell'autonomia, il 62, a quello dell'inaugurazione dell'attuale sede, il 71. Calabretta volle questa scuola, come tutte le altre superiori della città, secondo il suo disegno di fare di Soverato un centro di studi ed un punto di riferimento per il comprensorio. Tutti sanno che grazie a Calabretta a Soverato sorge il I istituto alberghiero della Calabria, avendo egli intuito il valore degli indirizzi professionali ai fini occupazionali. Il POF dell'ITC è stato illustrato dal professore Giovanni Greco, che ha evidenziato la crescita della classe docente e lo sforzo innovativo della scuola, ora tra le più qualificate della regione. Dopo i saluti degli studenti Giuseppe Mantello e Daniela Iozzo che hanno anche spiegato lo svolgimento in contemporanea della giornata della creatività studentesca, l'inatteso presidente Agazio Loiero ha così definito Antonino Calabretta: (). Commosso, nonostante lo sforzo di far prevalere la sua verve ironica, l'intervento di Vincenzo Guarna, già preside e docente dell'ITC, che ha confidato al pubblico di avere (), circostanziata la relazione di uno dei più stretti collaboratori ed amici di Calabretta, il preside Gerardo Pagano, che ne ha tratteggiato le capacità umane e politiche. (), ha detto fra l'altro Pagano, dopo aver ribadito la passione per la politica e l'amore per, Soverato, che spinsero il sindaco a fare della crescita della città lo scopo della sua azione. Dopo i significativi contributi al dibattito da parte del dottor Antonio Anzani e del senatore Nuccio Iovene, ha chiuso alla grande l'onorevole Rosario Chiriano. Chiriano ha fatto emergere la personalità di un uomo (). Personaggio o persona? Si è chiesto Chiriano, concludendo () Brevissimo ma intenso di commozione il grazie della signora Maddalena, vedova di Antonino, e del figlio Gianni, che hanno parlato a nome di tutta la famiglia Calabretta. Un annullo filatelico ricorderà la giornataViviana Santoro (Fonte: il Quotidiano della Calabria)Antonino Calabretta nasce a Soverato il 9 -11- 1912, nel 27 interrompe gli studi a Firenze ed inizia a lavorare sostituendo il padre malato. Dirige gli uffici postali di Soverato, Latina, Oristano e Lamezia terme, nel 47 sposa Maddalena Paolillo da cui avrà 5 figli. Nell'immediato dopoguerra fonda il Partito Popolare e poi al Democrazia cristiana di Soverato, seguendola linea di Giorgio La Pira. Per la prima volta eletto sindaco nel 56, poi nel 60, nel 64, nel 70, nel 74 e nell'84. Nelle elezioni politiche del 68, con la DC, consegue 21mila preferenze Nell'84 assieme a tutti i sindaci della regione accoglierà papa Wojtila in Calabria. Presidente Ex allievi salesiani, fu l'artefice della crescita e dello sviluppo di Soverato, che da piccolo borgo di 3 mila abitanti nel 56, arrivò a 10milanell'80. Muore il 5 aprile 1992Viviana Santoro (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

I satrianesi porgono l'estremo saluto al Pontefice

Satriano omaggia il Papa. Un gruppo di pellegrini si è recato a Roma per testimoniare in questo momento di lutto della Chiesa, l'affetto verso il Pontefice Massimo. Un autobus con 51 satrianesi, composto prevalentemente da giovani provenienti dalla parrocchia di Santa Maria D'Altavilla, guidati dal desiderio di vedere per l'ultima volta Karol Wojtyla, ha raggiunto la salma dopo una fila durata più di 15 ore.«Ci ha aiutato a resistere ­ sostiene Mariella Battaglia, una delle partecipanti ­ la grande forza che il Papa ci ha trasmesso durante la vita e che incoraggia a non fermarsi davanti agli ostacoli». Alessandro Catalano, uno dei più attivi animatori della Comunità parrocchiale satrianese, ha guidato il gruppo con forza e sacrificio. Un modo per testimoniare il suo affetto per Papa Giovanni Paolo II.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Intitolazione ITC ad Antonino Calabretta

L'ITC si prepara alla cerimonia di sabato Giornata solenne quella che l'Istituto tecnico commerciale si sta preparando a vivere per sabato la scuola sarà intitolata ad un soveratese famoso e lungimirante che ha lasciato il segno nella società civile e politica della città. è Antonino Calabretta, più volte sindaco di Soverato tra gli anni 60 e 90. Nella sala convegni dell'istituto, quindi, alle ore 10 di sabato si svolgerà la cerimonia alla presenza di studenti, genitori, rappresentanti delle istituzioni e del mondo politico. Il dirigente scolastico Nicola Limardo sarà affiancato dal sindaco di Soverato, Raffaele Mancini, dal presidente della Provincia, Michele Traversa, dal direttore scolastico regionale, Francesco Mercurio.È prevista anche la presenza dell'onorevole Rosario Chiriano. Sarà ricordata la figura dell'indimenticabile sindaco in un dibattito aperto a tutti i presenti. L'onorevole Giovanni Galloni concluderà la cerimonia. Intanto la scuola per questa occasione distribuirà una pubblicazione curata dal giornalista Fabio Guarna, dai professori Giovanni Greco e Domenico Corigliano e dal preside Vincenzo Guarna: "Corsi, percorsi e discorsi", questo il suo titolo.Interessante il suo contenuto riguardante la storia dell'Itc e la biografia di Antonino Calabretta.Ma non è finita qui: per il particolare evento Tonino Fiorita, collezionista storico di tutto quanto riguarda Soverato, ha predisposto un annullo filatelico.In contemporenea, gli studenti celebreranno l'ormai tradizionale "giornata della creatività" producendosi in canti, balli ed offrendo al pubblico una mostra di prodotti che saranno venduti in una gara di solidarietà.Ed a proposito di solidarietà ci piace far saper che gli studenti della II hanno partecipato con le loro offerte all'adozione a distanza di un bambino.Viviana Santoro (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano, Gianni Calabretta il più votato

Satriano ha decretato il successo, come nella vicina Soverato, di Gianni Calabretta, candidato in Progetto Calabrie che è risultato il candidato con il maggior numero di preferenze della cittadina del basso Jonio. Calabretta ha raccolto ben 176 preferenze complessivamente. Buoni i risultati anche per i democratici di sinistra con Pino Maida a quota 94, Enzo Bruno 52, Vitale 40 e Amendola 40. Per la Margherita spicca il nome di Cosco con 71 preferenze. Nello schieramento opposto ha dovuto cedere il passo a Calabretta, anche qui come a Soverato, Raffaele Mancini, candidato per An e sindaco in carica della perla dello jonio con 129 preferenze attestandosi al secondo posto nella top; 94 i voti per Aiello di Forza Italia e 80 invece i voti per Antonio Maduri, già primo cittadino di Satriano candidato nelle liste dell'Udc per la democrazia cristiana. È un successo quello ottenuto da Calabretta che negli ambienti politici locali viene commentato come una novità che conferma una tendenza a premiare le espressioni originali di questo territorio non legate organicamente agli schieramenti tradizionali pur integrandosi con essi e rappresentandone una vera e propria risorsa. Un risultato che deriva anche la sua forza dal riconoscimento dei valori personali dei candidati e dall'onestà intellettuale del loro operato. Fra i più votati risultano quindi a Satriano per il centrosinistra: Gianni Calabretta (Progetto Calabrie), 176 preferenze; Pino Maida (Dem.Sin.), 94; Cosco (Margherita), 71; Enzo Bruno (Dem.Sin.), 52; Amendola (Dem.Sin.) 40 e Vitale (Dem. Sin.(40); per il centrodestra: Raffaele Mancini (An), 129; Aiello (Forza Italia), 94; Antonio Maduri (Udc), 80; Franco Talarico (Udc), 58; Egidio Chiarella (An), 52.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Elezioni regionali. A Soverato, Calabretta il più votato

Elezioni Regionali Calabria 3 - 4 aprile 2005 VOTI COMUNE DI SOVERATOVOTI COMPLESSIVI SCHIERAMENTI(ABRAMO) PER LA CALABRIA 3065 ECOLOGISTI DEMOCRATICI 1 ALTERNATIVA SOCIALE 28 L'UNIONE PER LOIERO 2671Totale Votanti 5943Elezioni Regionali Calabria 3 - 4 aprile 2005 Voti Liste Provinciali nel Comune di SoveratoVOTI LISTEUDEUR POPOLARI 96 U.D.C. 369 DEMOCRATICI DI SINISTRA 427 ALLEANZA NAZIONALE 1309 FORZA ITALIA 473 LA MARGHERITA 490 MOVIMENTO IDEA SOCIALE 23 UNITA' SOCIALISTA 136 PER LA CALABRIA CON ABRAMO 318 ALTERNATIVA SOCIALE 17 NUOVO PSI 227 UNITI PER LA CALABRIA 70 PROGETTO PER LE CALABRIE 1165 LISTA CONSUMATORI 11 RIFONDAZIONE COMUNISTA 118 ALLEANZA POPOLARI 160Totale Voti Validi 5409Elezioni Regionali Calabria 3 - 4 aprile 2005PREFERENZE (SONO INDICATI PRIMI DUE CANDIDATI DELLE COALIZIONI DI CENTRODESTRA E CENTROSINISTRA) CHE HANNO RAGGIUNTO IL MAGGIOR NUMERO DI VOTI NELLA LISTA).- CENTROSINISTRA -ALLEANZA POPOLARE - REP.EUROPEI CALABRIAFALCONE Vincenzo 63 STANIZZI Antonio 55LISTA CONSUMATORI CON LOIEROPROCOPIO Pietro 5 CAMPANELLA Paolo 1POPOLARI - UDEURTORCHIA Antonio 27 LENTINI Francesco 19RIFONDAZIONE COMUNISTATAVELLA ROSA Maria 23 GALLUCCIO Girolamo 18UNITA' SOCIALISTADEONOFRIO Mario 48 GUERRIERO Pino 35UNITI PER LA CALABRIABALLETTA Giovanni 38 PERRI Giuseppe 7LA MARGHERITACOSCO Ferdinando 151 AMATO Pietro 119D.S.BRUNO Vincenzo 187 LO MOTO DorisPROGETTO PER LE CALABRIECALABRETTA Giovanni 1117 SACCO Maria Antonietta 4- CENTRODESTRA -ALLEANZA NAZIONALEMANCINI Raffaele 940 CHIARELLA Egidio 115FORZA ITALIAAIELLO Pietro 154 NISTICO' Ulderico' 114PER LA CALABRIA CON ABRAMOGAGLIARDI Antonio 240 LARIA CATERINA 24U.D.C.CALABRETTA Giuseppe 163 TALARICO Francesco 116NUOVO PSIGALATI Francesco 117 CHIEFFALLO Leopoldo 38MOVIMENTO IDEA SOCIALEBAGETTA Giacinto 1N.B. I dati sono tratti dai Quotidiani ed è possibile che ci sia qualche errore, seppure, marginale.

Read More »

Satriano, Gianni Calabretta in piazza

Gianni CalabrettaSATRIANO COMIZIO IN PIAZZA DI GIANNI CALABRETTA, LO PRESENTANO VINCENZO GUARNA, PASQUALE ALCARO E ROMILDA CURCIOSatriano - Una giovane donna insegnante e appassionata lettrice de "Il Manifesto", Romilda Curcio, un preside rappresentante del mondo della cultura, Vincenzo Guarna e un medico con doppia laurea sempre impegnato nel sociale, Pasquale Alcaro. I tre sono accomunati dalle origini satrianesi e nell'occasione di ieri (domenica scorsa ndr)dall'essere i presentatori del comizio di progetto Calabrie di Gianni Calabretta tenutosi domenica mattina nella centralissima Piazza Spirito Santo di Satriano. Romilda Curcio ha introdotto gli interventi sottolineando le ragioni e il progetto della candidatura di Calabretta, Vincenzo Guarna, dopo avere spiegato di sentirsi un satrianese doc nonostante sia vissuto tanti anni in quella che ha scherzosamente definito la periferia di Satriano, ovvero Soverato, ha elogiato la figura di Calabretta come amministratore e il rigore morale delle sue condotte politiche che lo vedono candidato con progetto Calabrie per le prossime regionali. Una lista ha proseguito, meritevole di fiducia per la vigorosa sostanza culturale e programmatica su cui poggia e per le prospettive di crescita e di sviluppo della Calabria che la sostanziano. Pasquale Alcaro ha rimarcato le ragioni del sì a Calabretta e ha invitato gli elettori a votare questo candidato non tanto per fare un favore a lui, quanto a se stessi. Quindi è intervenuto Gianni Calabretta che non ha mancato di suscitare l'interesse e l'attenzione del numeroso pubblico presente illustrando con competenza e chiarezza i punti salienti del programma di progetto calabrie di cui è portatore e rappresentante. Si tratta di un progetto i cui punti programmatici dottamente e sinteticamente non meno che efficacemente enucleati sono, una Regione: leggera e plurale; al femminile; ecologica; garante della legalità e della partecipazione; della solidarietà e del lavoro; della tutela del diritto alla salute; dell'ospitalità e dell'accoglienza; della ricerca e dell'arte; di un efficace sistema educativo; dotato di una politica industriale per l'innovazione; delle professioni e delle competenze; laboratorio del mediterraneo e, infine, Regione della speranza.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Comunicato stampa Teatro del Grillo

La DoppiaEffe, Compagnia di Prosa Mariano Rigillo presentaFRATELLI D'ITALIA ideato e diretto da Francesco Frangipane dal 22 al 23 marzo 2005 Proseguono gli appuntamenti della Stagione Teatrale 2005 del Teatro del Grillo, martedì 22 marzo 2005 alle ore 21.00 (e repliche il 23 marzo alle ore 17.00 e 21.00) con la DoppiaEffe – Compagnia di Prosa Mariano Sigillo - che presenta Fratelli d'Italia, uno spettacolo ideato e diretto da Francesco Frangipane.In scena daranno vita alla pièce Francesco Cutrupi, Massimiliano Benvenuto, Francesco Frangipane, Martino Duane, Luca lamberti, Liliana Massari, Lorenzo Praticò, Michele Amadori, con la video-partecipazione di Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini. Le scene sono a cura di Tiziano Fario, le luci di Christian Ascione, i costumi di Laura Fronzi, i rumori e le elaborazioni musicali di Michele Amadori. Le riprese video, curate da Lorenzo Cicconi Massi, sono state effettuate da Giuseppe Di Monaco e montate da Nando e Raffaele Scalamandrè. È difficile mostrare quanto profonda possa essere la lacerazione prodotta nel tessuto sociale italiano dalle minacce di secessione. Fratelli d'Italia è uno psicodramma d'attualità, che ben illustra il sintomo e il decorso, senza indicarne, giustamente, alcuna terapia.Uno spettacolo di giovani che sottolinea, sufficientemente, l'incedere del trauma, pur solo ipotizzato e non consumato.Il 22 dicembre 1947, con la promulgazione della Costituzione Italiana, l'Italia raggiunse la massima espressione d'unità nazionale. Ciò che doveva essere l'inizio di una coesione sempre più forte e radicata, divenne, nell'arco di qualche decennio, l'apice di una vorticosa discesa verso una nuova disgregazione, molto più articolata e pericolosa della precedente. Allora l'inno di Mameli, simbolo e caposaldo della nostra unità nazionale, diviene, nella messinscena dello spettacolo, la colonna sonora di una lenta ma progressiva spaccatura, che raggiunge, nell'unità di tempo e di luogo scenici, una profonda frattura tra nord e sud, del tutto insanabile.È qui che ha inizio lo spettacolo: un viaggio in un'ipotetica secessione italiana del tutto assurda e surreale, ma per nulla improbabile, dove la problematica linguistica, dovuta all'incomunicabilità dialettale e ad una massiccia, intrusiva presenza multimediale, diventano i principali ingredienti di questo irresistibile gioco teatrale.Una pièce ironica e divertente, che però conduce lo spettatore in un continuo inquietante interrogativo: “E se fosse realtà?”. Proprio quest'interrogativo, sempre più ingombrante e presente, trasforma quell'iniziale clima di commedia in un meccanismo assurdo e grottesco, dove il divertimento e la leggerezza lasciano il posto alla paura e al dramma, per approdare alla consapevolezza finale dell'atrocità della guerra.Fratelli d'Italia, ideato e diretto da Francesco Frangipane Teatro del Grillo - Soverato 22 marzo ore 21.00 – 23 marzo ore 17.00 e ore 21.00 Turni abbonati: 22 marzo Turno B – 23 marzo Turno A

Read More »

Dove il cielo va a finire, una storia per Mia Martini

COMUNICATO STAMPATeatro del GrilloGiovedi 17 marzo 2005 – ore 21.00La CompagniaTeatro Giocosa di Ivrea inDove il cielo va a finire Una storia per Mia Martinidi Piergiorgio Paterlini Regia di Bruno MontefuscoUn omaggio del tutto inedito a Mia Martini, sotto forma di monologo con canzoni. Gianluca Ferrato racconta una storia che incrocia, in modo misterioso e inaspettato, quella della cantante. La vicenda di fantasia e quella biografica, sono toccate dagli stessi temi, rivisitati direttamente dalla tragedia greca: la lotta dell'uomo col destino, il rifiuto della resa pur sapendo che alla fine vincerà il fato. Una storia tragica nel senso classico del termine, raccontata con la leggerezza di cui scrive Italo Calvino, intesa come “qualità morale” e conquista di una vita che ha fatto pace con se stessa e con il proprio destino. Con la regia di Bruno Montefusco, la direzione musicale di Maurizio Fabrizio, gli arrangiamenti di Enzo De Rosa, le musiche eseguite da Enzo De Rosa (tastiere), Giuseppe Tortora (violoncello), Ferruccio Corsi (fiati).Un solo spettacolo alle ore 21.00 Prenotazioni al Botteghino del Teatro Tel. 0967 23156 Prevendita FotoArte Sestito Tel. 0967 521514 Biglietto € 20.00 – Ridotto per gli abbonati alla stagione teatrale € 10.00.

Read More »