Festa di Portosalvo: la fanfara in piazza Vespucci

Soverato - “Le Fanfare, comuni a tutti gli eserciti europei, hanno radici antichissime – si legge in una nota del 12° Battaglione Carabinieri “Sicilia” - che risalgono alla funzione pratica dell'antica musica militare: trasmettere i segnali di comando e le cadenze di marcia sul campo di battaglia”. E questi splendidi suoni potranno essere ascoltati e apprezzati, in Piazza Vespucci giovedì 10 agosto dalle ore 21,30 dove si terrà il concerto della Fanfara dei Carabinieri 12° BTG “Sicilia”. Si tratta di un evento da non perdere sia per la qualità della musica e sia per le sensazioni che l'arma dei carabinieri riesce a trasmettere al pubblico con la sua perfetta armonia di suoni e di immagini, attraverso la Fanfara. Istituita nel novembre del 1993, la “Fanfara del 12° BTG “Sicilia”, ha nel suo vasto repertorio musica militare e anche brani di validissimi autori dall'ottocento ad oggi. La “Fanfara”, si legge nella nota “è costituita da 30 elementi provenienti da complessi musicali o diplomati presso conservatori italiani, tutti Carabinieri, che svolgono anche il normale servizio d'Istituto”. Il successo ottenuto, dalla “Fanfara” durante i concerti eseguiti prevalentemente nell'Italia meridionale, rendono l'iniziativa particolarmente interessante. Una iniziativa che arricchisce e valorizza il programma civile della Festa Maria SS. di Portosalvo per il centenario della chiesetta Maria SS. di Portosalvo, all'interno del quale il concerto è inserito. L'attività musicale della “Fanfara” conclude la nota: “ si svolge soprattutto in cerimonie militari e importanti manifestazioni di carattere patriottico e sociale. Attualmente è diretta dal Maresciallo Capo Paolo Sena”. Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Sanità e traffico urbano al centro dell'attenzione di Antonello Gagliardi

Soverato - È stato convocato in via urgente per oggi alle 17,30 un consiglio comunale per discutere di sanità. Si tratta di una pubblica assise, spiega Antonello Gagliardi del gruppo di minoranza, centrosinistra progetto per Soverato, che servirà ad approfondire una questione di vitale importanza non solo per i cittadini soveratesi ma per tutti gli abitanti del comprensorio . Presto infatti, verrà decisa la riorganizzazione del sistema sanitario regionale che coinvolgerà i nosocomi di Soverato e della vicina Chiaravalle. Domani alle 10,00 il direttore generale incontrerà i rappresentanti delle amministrazioni del basso-jonio proprio per parlare dei nuovi progetti. Pertanto durante il consiglio comunale saranno illustrate una serie di proposte da portare sul tavolo delle autorità preposte al riassetto organizzativo delle strutture ospedaliere. Per quanto riguarda la posizione del centrosinistra progetto per Soverato, Antonello Gagliardi, dichiara che è solida e unitaria ed è stata efficacemente rappresentata da Nicola Merenda, collega di Gagliardi fra i banchi dell'opposizione soveratese e stimato medico dell'ospedale della cittadina jonica. Fra i punti che verranno proposti ci sarà il potenziamento del pronto soccorso di Soverato e la creazione di una terapia intensiva. Intanto Gagliardi, tornando a questioni cittadine, pur precisando che non se ne occuperà nel prossimo consiglio comunale, non manca di esternare agli organi di stampa tutto il suo disappunto per i disagi che si stanno verificando durante la stagione estiva. A cominciare dal traffico, per l'esponente politico, la situazione attuale sta generando forti malumori non solo fra la popolazione ma anche fra i tanti visitatori della cittadina jonica. Una condizione di scomodità che si manifesta in grosse difficoltà di circolazione per le autovetture e l'impossibilità di trovare parcheggi. “I rimedi – si sarebbero dovuti trovare – incalza Gagliardi – non, come sembra fare l'amministrazione in carica a stagione avviata, ma molto prima. In particolare – prosegue – sarebbe stato utilissimo adottare un piano urbano del traffico (PUT) durante gli scorsi mesi tenendo conto dell'assetto viario della città. È inutile – conclude - proporre soluzioni tampone che piuttosto di risolverli, accrescono i problemi”. Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano, Luciano Battaglia pronto a scendere in campo

Satriano ­ - Si fa sempre più intenso il dibattito a Satriano sul prossimo appuntamento elettorale del 2007 durante il quale, i cittadini voteranno per il rinnovo del civico consesso. Dopo due mandati di Domenico Battaglia, un vero record per la cittadina delle pre-serre abituata a cambiare amministratori con una certa frequenza e in genere prima della scadenza naturale del mandato, le voci che danno candidato alla successione di Mimmo Battaglia, Luciano Battaglia si continuano a ripetere con una certa insistenza. Luciano Battaglia è attualmente assessore ai Lavori pubblici ed è stato in passato primo cittadino di Satriano. Non smentisce nulla quanto alla sua candidatura e pur mantenendo un certo riserbo lascia intendere di essere disponibile a scendere in campo e che anzi si sta già preparando per la prossima primavera. Restano quindi a Domenico Battaglia pochi mesi di mandato a sindaco, a meno che non ci siano cambiamenti della normativa vigente che prevede l'impossibilità per un cittadino di ricoprire per tre mandati consecutivi, la carica di sindaco. Battaglia, lascerebbe (usiamo il condizionale) il Comune con all'attivo una serie di opere realizzate ed altre in corso di realizzazione. È Domenico Battaglia a raccontare con orgoglio ai giornalisti quanto fatto citando alcune opere del centro storico e fra queste i lavori di realizzazione del nuovo stadio in Via S.Trada e la riqualificazione di Piazza S.Agata. f.g.

Read More »

A Badolato Superiore la festa degli emigranti

Programma della festa 5 agosto 2006 ore 21:30 Presentazione serata con la partecipazione del presentatore Valerio Merola ore 22:00 inizio spettacolo con il gruppo musicale Gli Erpes ore 23:00 partecipazione straordinaria del noto rumorista Rai-Mediaset Alberto Caiazza ore 24:00 esibizione danza del ventre con Mona Kafelebasi + sorpresa Durante la festa funzioneranno gli stands gastronomici Altre informazioni le trovi su badolato.info

Read More »

Schillacium, nulla di fatto

Il consiglio comunale rinvia la delega al sindaco per l'assemblea societaria SCHILLACIUM, NULLA DI FATTO Approvata la delibera di giunta del 30 giugno Dopo avere accennato ad alcune questioni legate al settore della sanità (riorganizzazione degli ospedali di Soverato e Chiaravalle), il consiglio comunale ha avuto inizio con una serie di interrogazioni richieste dal consigliere di minoranza, Antonello Gagliardi. In particolare l'esponente politico ha sollecitato la maggioranza ad attivarsi per l'istituzione del difensore civico, quindi ha invitato, rivolgendosi all'assessore alla cultura Sonia Munizzi, ad avere più attenzione per l'Osservatorio Falcone-Borsellino, un'associazione che opera da tanti anni portando avanti una serie di iniziative per sensibilizzare i cittadini alla Cultura della legalità. Gagliardi infine ha fatto riferimento a vecchie questioni che lo avevano portato a fare delle interrogazioni nello scorso aprile e per le quali non ha ricevuto risposta. Il sindaco Raffaele Mancini, rispondendo alle interrogazioni, ha dapprima precisato che non intende intervenire su interrogazioni per atti che riguardano la precedente consiliatura e su quelle che riguardano strettamente la gestione dell'Ente (attività dei dirigenti). Mancini ha infatti dichiarato di voler rispondere su interrogazioni che riguardano atti di gestione e controllo. Sul difensore civico il primo cittadino ha chiarito che si tratta di una figura indispensabile che verrà istituita quando saranno risolti alcuni problemi logistici in modo da poter assegnare all'interno di Palazzo di città un uffico preposto. Claudio Rombolà, capogruppo della minoranza ha stigmatizzato le affermazioni del sindaco e ha ricordato una interrogazione formulata per iscritto il 19 luglio scorso sui lavori in Via Martin Luther King. Il sindaco ha quindi ritenuto di rispondere, anche se le sue risposte non hanno soddisfatto la minoranza al punto che Calabretta ha solo riconosciuto al sindaco un timido tentativo di risolvere il problema. Intanto era presente in aula il presidente dell'Osservatorio, Carlo Mellea, il quale dopo avere osservato che sulla sua associazione non era stato dichiarato nulla da parte della maggioranza, si è avvicinato ai giornalisti e ha dichiarato che l'effetto della completa disattenzione da parte dell'amministrazione comporta "di proporre le sue attività in altre città come Locri e Catanzaro". Uno il punto discusso all'ordine del giorno passato a maggioranza che ha riguardato una ratifica di delibera di Giunta del 30 giugno avente ad oggetto la seconda variazione di bilancio. Il punto più importante, che riguardava l'autorizzazione al sindaco o a un suo delegato a rappresentare il Comune nell'assemblea straordinaria dei soci della Schillacium è stato ritirato per essere aggiornato, per un vizio formale in quanto l'assemblea dei soci della Schillacium si era già svolta. Fabio Guarna (Il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Soverato, sapore di sale, di mare e … pizza

Soverato -  Il menù classico dell'estate è quello della pizza, accompagnata da una buona birra. La pizza schernita dai tedeschi durante il mondiale e che invece non è stata valorizzata nella sua “combine” con la bevanda tradizionalmente dei paesi nordici. Ma a guerra finita, diceva Montanelli, ai nemici bisogna stringere la mano. E così parliamo di pizza, dimenticando e perdonando i tedeschi, ma soprattutto soffermiamoci su quanto pesa sulle nostre tasca la pizza. E se Gino Paoli cantava in uno storico pezzo degli anni ‘60, “sapore di sale, sapore di mare” a Soverato, paese costiero, però, bisognerebbe aggiungere “sapore di pizza”. E sì, perché la cittadina jonica ha dalla sua anche questa caratteristica. Tanti vacanzieri, infatti, non mancano di affollare le pizzerie affidando alla margherita, alla quattro stagioni, alla capricciosa, alla mozzarella di bufala e via di seguito la loro cena. Senza dimenticare altre specialità, -  racconta  un habitué delle pizzerie – come la pizza alla calabrese, piccante e ottima compagna della birra. Ad affollare le pizzerie non sono solo i vacanzieri naturalmente. Anche gli abitanti del comprensorio e i residenti non mancano di fare una puntatina in pizzeria. Ma quanto costa una pizza a Soverato? I prezzi naturalmente variano per ogni locale. C'è chi punta sulle specialità e tiene basso il prezzo della classica margherità e chi invece oltre alla pizza offre agli ospiti qualche stuzzichino in attesa dell'arrivo dell'ordinazione.  Quest'ultimo è un elemento da non sottovalutare. Infatti, l'eccessivo affollamento degli esercizi ristorativi, durante l'alta stagione, produce un rallentamento del servizio in sala, a cui in genere si pone rimedio con l'utilizzo di altro personale. Ma, per chi non ama attendere troppo, c'è la pizza d'asporto o al taglio. I tempi sono più rapidi con il vantaggio di poter gustare le prelibatezze comodamente a casa. Insomma tante novità e tanti prezzi. Un modo per orientarsi sulle tendenze generali dei costi è quello di prendere a riferimento la classica “pizza margherita”. Questa, dal condimento semplice (pelati, mozzarella, qualche foglia di basilico, origano e olio di oliva) è una delle più economiche del menù e si parte da essa. Il suo costo oscilla dai quattro ai cinque euro. Ma se si decide di scegliere altro come ad es. quelle pizze particolari con rucola, mozzarella di bufala, vongole, formaggio parmigiano a scaglie e pomodorini o altri intingoli in questo caso il costo comincia a  diventare davvero proibitivo e portare una famiglia di quattro persone in pizzeria diventa un lusso. Una curiosità: al dopo pizza, è divenuta consuetudine, si accompagna il gelato. Di gelaterie Soverato non manca. Anche lì i prezzi sono generalmente accessibili fin quando ci si ferma a cono o brioche farcita di gelato. Diverso e maggiore il costo delle altre specialità o combinazioni. In questo caso, però, merita osservare che il consumo di una coppa gigante sostituisce, spiegano coloro che stanno attenti alle calorie, a tutti gli effetti una congrua cena. Fabio Guarna (Il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano. In pole position la candidatura a sindaco di Luciano Battaglia

Satriano - Proseguono gli incontri fra cittadini e forze politiche per la preparazione della prossima stagione elettorale satrianese. Il 2007, infatti, si rinnoverà il civico consesso satrianese. Per due mandati consecutivi ha guidato il Comune, Domenico Battaglia. Si tratta per Satriano di un vero e proprio record di durata, se si considera che in genere le amministrazioni satrianesi e i sindaci che le conducevano non hanno avuto nel tempo, tranne qualche rara eccezione, lunga durata. Domenico Battaglia, a meno che non ci siano mutamenti nella normativa vigente, non potrà ambire per le prossime amministrative alla carica di sindaco. Alla luce di questo, l'interrogativo che negli ambienti politici satrianesi si fa in questi giorni con una certa insistenza è il seguente: chi sarà il successore di Battaglia? La risposta più frequente è: Battaglia. Si scherza insomma con i cognomi perché se il Battaglia della domanda è il sindaco in carica, ovvero Domenico, quello della risposta è invece, Luciano, attuale assessore ai lavori pubblici e già sindaco di Satriano negli anni '80. Si potrebbe dire nomen omen (un nome un destino), vero è che Luciano Battaglia, in merito alla sua candidatura a primo cittadino né conferma e né smentisce, anche se una serie di segnali lasciano intendere che potrebbe essere proprio lui a scendere in campo per garantire la continuità politico-amministrativa al governo di Satriano. Gli avversari? Per ora più convinto che mai e pieno di entusiasmo a rappresentare l'alternativa a Satriano è il diessino Michele Drosi. Sarà Drosi-Battaglia la sfida del futuro o ancora è troppo presto per dirlo? I tempi cominciano a stringere. Fabio Guarna (fonte:Il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Continuano gli appelli per l'istituzione del difensore civico

SOVERATO - Fa discutere negli ambienti politici cittadini la possibilità di istituire il difensore civico. Prima Claudio Rombolà, capogruppo della minoranza in consiglio comunale, poi Antonello Gagliardi, fiero oppositore dell'amministrazione in passato e oggi ancora più determinato nel suo ruolo di consigliere del centrosinistra-progetto per Soverato, e ancora Carlo Mellea, presidente dell'Osservatorio Falcone Borsellino Scopelliti hanno lanciato un appello al civico consesso, reclamando la messa a regime del difensore civico. Una figura contemplata nello Statuto comunale e che spesso rappresenta il fiore all'occhiello di quelle amministrazioni che vogliono dare prove di efficienza e soprattutto trasparenza. Senza dimenticare Ulderico Nisticò, che qualche settimana fa, in un corsivo proprio dalle colonne de "Il Quotidiano" spiegava quanto fosse importante per Soverato avere un difensore civico, che però, precisava, doveva essere scelto con serenità e responsabilità individuandone i compiti. Ma a questi appelli, attraverso un comunicato stampa ha dichiarato Mellea, ieri, la maggioranza in carica sembra sorda. In effetti sulla stampa locale, non risulta al momento alcun intervento in materia da parte degli amministratori che governano la città. E dopo l'appello dei giorni scorsi, ritorna sull'argomento Antonello Gagliardi. "Quanto dovranno aspettare ancora i cittadini soveratesi - si chiede l'esponente politico - per avere il difensore civico? E perchè - conclude - la maggioranza continua ad essere sorda, ai continui appelli che da anni vado facendo per l'istituzione del difensore civico, a cui si aggiungono oggi quelli di tanti altri soveratesi?" (Il Quotidiano - Fabio Guarna)

Read More »

Soverato: grande festa per la vittoria del Mondiale

SOVERATO - Quando Fabio Grosso, un giovanotto che fino a ieri giocava in C2, calcia il rigore e fa rete, un urlo sale da lidi, locali e abitazioni di Soverato. “Campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo”gridano i tifosi e lo fanno per ben quattro volte, quante sono le vittorie centrate ai mondiali. E a qualcuno torna in mente Nando Martellini, quando 24 anni fa, nel 1982 salutò la terza coppa del mondo degli azzurri. Allora c'era Enzo Bearzot e Sandro Pertini, oggi siamo alla quarta vittoria con Marcello Lippi e Giorgio Napolitano. Ci supera solo il Brasile, la squadra carioca che conta cinque vittorie al mondiale. E l'urlo da locali e lidi, si sposta in Piazza Maria Ausiliatrice e lungo Corso Umberto I, accompagnato da clacson e trombe. “Siamo i primi del mondo” si urla a Soverato. Il 1934, 1938,1982 e ora il 2006 sono gli anni d'oro del calcio italiano. Autovetture, camion anche di grosse dimensioni, articolati vari, sfilano per le strade della cittadina jonica e fanno sosta davanti al lungomare zona sud, davanti Piazza Nettuno. A piedi con stretta in mano una bandiera tricolore quasi fosse una staffetta da portare per il prossimo mondiale, corre come un maratoneta un ufficiale dell'arma in pensione, Francesco Battaglia con i suoi 71 anni. Testimonia così la sua gioia per la vittoria. Per le strade di Soverato ci sono anche degli stranieri, tedeschi prevalentemente. Osservano e assistono ai festeggiamenti per il trionfo azzurro. Per la grande vittoria della squadra che in semifinale ha battuto la loro nazione condannandola al bronzo mondiale. Ma non è un problema. Diceva Indro Montanelli: “a guerra finita, ai nemici bisogna stringere la mano”. E così sia anche a Soverato. Fabio Guarna 

Read More »

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi