Adriano Pecci ancora al TG di Soverato 1 TV

IN ATTESA DEL SUO INTERVENTO VI PROPONIAMO QUELLO PRECEDENTE. Nei telegiornali di Soverato 1 TV, oggi, venerdì 5 dicembre, verrà trasmessa una nota di Adriano Pecci. Come al solito Pecci non apparirà in video ma di lui si potrà sentire soltanto la voce. Nella sua nota Pecci fa riferimento al caso "COMAC" divenuto l'argomento dominante nella cittadina jonica e al centro di un dibattito che sta investendo l'intera cittadinanza. Pecci ribadisce ancora una volta il suo "NO" all'albergo al posto del capannone ex-COMAC. Ad essere d'accordo con lo storico anchor-man della cittadina jonica, tantissimi soveratesi. Si tratta della quarta nota affidata ai giornalisti dallo storico anchor-man. Intanto vi proponiamo in forma sintetica con una breve introduzione e intervallata da alcune spiegazioni l'ultimo intervento di Adriano Pecci andato in onda su Soverato 1 tv la scorsa settimana ... SOVERATO - Alcuni studi di comunicazione hanno stabilito che gli opinion maker possono arrivare a orientare l'opinione pubblica e a spostare consenso sino a percentuali del 15%-20%. Un dato che, a sentire i Soveratesi, trova riscontro nelle recenti performances di Adriano Pecci. Attenzione, il segreto d'ogni opinions maker risiede nella sua capacità di percepire, spesso ante litteram, gli umori popolari e di farsene immediata espressione dando ad essi argomenti, coerenza e sviluppo logico. In un certo senso è come dare forme di pensiero e indirizzi culturali a chi dagli uni e dagli altri è sostanzialmente alieno o distratto. Ecco dunque Adriano Pecci nuovamente in campo, questa volta per contrastare gli ultimi orientamenti, per così dire strategici, sulla variante al Prg manifestatisi nella maggioranza che governa la città ed espressi dal sindaco Mancini nell'ultimo Consiglio comunale. Pecci ha avuto modo, in un seguitissimo editoriale trasmesso dall'emittente Tv, Soverato 1, venerdì scorso di mettere in evidenza, l'incongruità delle scelte di Mancini il quale, ha ritenuto di dover lasciare alla determinazione del Commissario ad acta l'eventuale responsabilità di adottare la variante al prg. Per Pecci si tratta di eludere i propri incombenti e per così dire "lavarsene le mani". Ella, fa osservare l'anchor man al Sindaco Mancini, "sarà forse convinto della giustezza dei rilievi fatti sulle varianti, e tuttavia non intende prendere le decisioni di cancellarle. Ha invece deciso - continua Pecci - di lasciare così .... l'avvenire urbanistico di Soverato al suo destino". Quale destino, dunque? Riprende Pecci: " Ce lo dirà il Commissario ad acta. Il Sindaco si rammarica e dice: "tutto ormai dipende dal Commissario ad acta". Ma, ci perdoni signor Sindaco, questo fantomatico personaggio l'ha chiamato proprio lei. E non è il caso di ricordarle che i cittadini di Soverato hanno eletto lei per amministrare la città e non già un commissario ad acta". Continua, annota e conclude Pecci rivolgendosi al primo cittadino: "Ella perciò non può adesso abdicare a quel dovere che è anche un privilegio. Sarebbe una delusione per chi l'ha votata. E sono tanti. Ci ripensi, signor Sindaco, il ripensamento, a volte è segno di coraggio. E questa è una di quelle volte. Non abbandoni il destino urbanistico della sua e nostra città al criterio d'un estraneo. È lei che conosce i problemi di Soverato e lei che deve risolverli con l'aiuto ed i consigli dei cittadini. No, nessuno chiede il ritorno all' "Agorà", uno dei primi elementi del consorzio civile, il luogo dove gli ateniesi della "Polis" convenivano per discutere gli affari comuni. Noi abbiamo oggi il Consiglio Comunale. A cosa serve, infatti, quel consesso di spiriti eletti se rinuncia a dibattere con l'opposizione il Piano Regolatore della città, affidando, invece, il futuro nostro e dei nostri figli ad un estraneo al nostro mondo... Vorremmo poi capire meglio il motivo per cui la gran parte dei consiglieri di maggioranza ha creduto di non dover discutere la variante al piano, disertando la seduta e adducendo argomenti che lasciano assai perplessi. Se, infatti, è vero che questi consiglieri hanno un interesse diretto sulle varianti sarebbe stato meglio se le avessero bocciate. E meglio ancora sarebbe stato se avessero reso possibile la seduta astenendosi poi dal voto finale, per conflitto d'interesse ... Quanto agli alberghi, ancora, nessuno ha detto che non bisogna costruirli. Ci mancherebbe. Se qualcuno crede di fare un buon investimento edificando inutili alberghi a Soverato lo faccia pure. Quello che abbiamo detto è che è sbagliato costruirli dove li si vuole costruire. Perciò, per favore si stia alla larga dal lungomare e dal centro storico. I tour operators non sono poi degli imprenditori sprovveduti che portano frotte di turisti dove ci sono alberghi. Li portano dove ci sono alberghi e tutto il resto. Chi può pensare che un tour operator sano di mente, porti turisti, si fa per dire in una landa desolata solo perché qualcuno ha incautamente eretto un Grand'Hotel?" Fabio Guarna

Read More »

Istituzione di un'agenzia delle entrate a Soverato, tuttala Uilpa sostiene tale progetto

SOVERATO - Sono tre le note che la UILPA affida ai giornalisti per rappresentare l'interessamento che il sindacato sta manifestando affinché venga istituito un Ufficio Autonomo dell'Agenzia delle Entrate a Soverato. Nella prima lettera datata 20/10/03 a firma di Enzo Cantafio, segretario generale aggiunto e indirizzata al direttore regionale dell'agenzia delle entrate e al dirigente dell'ufficio risorse materiali della direzione regionale e per conoscenza al sindaco di Soverato e allo studio "Talotta Costruzioni" si fa presente che a seguito di intese verbali con i soggetti che hanno manifestato interesse, la UILPA ha "fatto redigere dallo STUDIO TALOTTA COSTRUZIONI di Soverato, una ipotesi di localizzazione e realizzazione di un ufficio. Nella seconda missiva datata 25/11/2003, firmata dal segretario regionale UILPA, Loredana Laria, si insiste per l'istituzione a Soverato di un ufficio autonomo dell'agenzia e si lamenta la circostanza che nonostante la predisposizione del progetto di massima da parte della ditta Talotta, questo " malgrado le rassicurazioni della direzione regionale, non è mai stato inoltrato ai vertici nazionali dell'agenzia, per la necessaria analisi". Rilevato questo, la segretaria regionale del sindacato fa presente che "dopo le prese di posizione del sindacato locale Uil pubblica amministrazione ed il raccordo con il sindaco Mancini procurato dal segretario generale aggiunto della UILPA nazionale Enzo Cantafio, è il segretario generale Roberto Cefalo che sollecita l'istituzione dell'ufficio al direttore generale Raffaele Ferrara, calabrese, o meglio catanzarese e, quindi, a perfetta conoscenza della grande importanza strategica della istituzione di un ufficio autonomo delle entrate in un comprensorio di oltre 30 comuni come quello di Soverato". L'ultima lettera risale a giovedì scorso. Qui è proprio il segretario generale Roberto Cefalo come annunciato dalla segreteria regionale che, investito del problema, si rivolge al Dr. Raffaele Ferrara, direttore dell'agenzia delle entrate e per conoscenza al direttore regionale per la Calabria, Dr. Castrenze Giamportone. Nella lettera si mette in evidenza come la messa in funzione di un ufficio delle entrate a Soverato "rappresenterebbe un traguardo molto importante per l'agenzia atteso che il comprensorio di riferimento è di notevoli dimensioni e che Soverato è comune capofila di numerose forme associative fra enti pubblici locali, tra cui il PIT che interessa un bacino di oltre 100.000 abitanti". Detto questo Cefalo, rileva come il Comune di Soverato abbia con delibera del 19/1/2003 formalmente richiesto l'istituzione di un ufficio locale in città, creando così le giuste condizioni per la realizzazione di questa proposta. Una proposta per la quale tutta la UILPA agenzia delle entrate manifesta il massimo interesse come l'ultima nota a firma di Roberto Cefalo dimostra. Insomma una battaglia, quella per l'istituzione dell'ufficio a Soverato che ha tanto il sapore non solo della lotta sindacale ma anche di quella per garantire un più efficiente e meno scomodo servizio ai cittadini del basso jonio. Fabio Guarna

Read More »

Grande spettacolo di motocross sulla spiaggia antistante il lungomare Europa

Motocross SOVERATO - Rivitalizzare la cittadina jonica organizzando eventi e manifestazioni è un obiettivo che la Pro-Loco Soverato non ha mai perso di vista. E così a Sergio Caristo, instancabile presidente del sodalizio soveratese è venuto in mente di preparare per il mese di novembre una gara nazionale di beach cross da svolgersi sulle spiagge della cittadina jonica. "L'idea - racconta Caristo - è nata diverso tempo fa, quanto ho avuto modo di osservare dei giovani che facevano del motocross in campagna. In seguito - prosegue Caristo - ho incontrato occasionalmente il Presidente del Moto Club Stilaro Racing Rinaldo Tirotta, e, insieme, abbiamo pensato di organizzare una gara nazionale di Beach Supercross nel mese di novembre creando un evento per destagionalizzare il turismo o quantomeno attrarre un flusso di persone in un mese in cui le iniziative languono". Domenica scorsa il grande evento. Innanzi ad un pubblico che contava migliaia di persone i bolidi su due ruote si sono rincorsi con grandi sobbalzi e congiunto rumore dando grande spettacolo di velocità e di azzardo. L'infaticabile dott. Caristo ha colto l'occasione per dare in forma nuova e inconsueta, con questo spettacolo, gli auguri di buon Natale e fine anno, per conto della Pro-Loco, agli abitanti di Soverato. Fabio Guarna (Fonte: Il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Grande attesa per il leader Maximo

In attesa della visita a Catanzaro di Massimo D'Alema non deve far meraviglia che la base per così dire scalpiti. La voglia di interloquire con l'ex presidente del consiglio è una legittima aspirazione che nello stesso tempo dimostra che esiste un senso di attaccamento al partito dei democratici di sinistra e fiducia nei suoi massimi dirigenti. E così, Domenico Tirinato si affida ad una lettera aperta al presidente dei D.S...

Read More »

Allarme zanzare nella zona sud di Soverato

SOVERATO - Allarme zanzare nella zona sud di Soverato. Qualche giorno fa, dalle colonne di questo giornale, abbiamo denunciato lo stato di abbandono in cui versa il laghetto della villa comunale, dove l'interruzione del flusso continuo di acqua ha generato dei ristagni non certo gradevoli per una città che ha l'ambizione di definirsi "Perla dello Jonio". Al danno d'immagine, abbiamo fatto notare, rischiava di aggiungersene un altro, ovvero quello alla salubrità dell'ambiente. Gli stagni, come è noto, sono ottimi incubatori per larve e insetti di ogni genere. Nella zona sud di Soverato, dove è ubicata la villa comunale, l'eccessiva presenza di zanzare, è probabilmente favorita da questo stato di incuria in cui la struttura viene lasciata. A lamentarsene sono molti residenti in quella zona che auspicano un immediato intervento delle autorità preposte. Purtroppo, il caldo non accenna ad attenuarsi, e molti problemi tipici della stagione estiva restano in primo piano nella cittadina jonica. Fortunatamente le punture di questi insetti provocano soltanto una lesione cutanea localizzata e pruriginosa. In genere esse non sono pericolose, anche se, in alcuni bimbi particolarmente sensibili, possono provocare lesioni più estese e durature. Resta il fastidio che non è certo piacevole. Basterebbe, commenta più di un residente, che l'amministrazione comunale dedicasse un po' di attenzione all'ambiente e si impegnasse a prevenire situazioni che impongono una urgente ed immediata disinfestazione. (Fonte: Il Quotidiano della Calabria di mercoledì 8 ottobre) Fabio Guarna

Read More »

Una delle reti delle due porte è bucata al campo Ippica

Gli arbitri degli incontri di calcio o, meglio, i direttori di gara sono soliti fare un controllo generale delle condizioni del campo di giuoco prima di dare il fischio d'inizio di una partita. Fra i vari controlli rientra anche quello delle reti. A seconda del loro stato, un direttore di gara può anche decidere di non far disputare la partita...

Read More »

Intervista ad Ernesto Crea: caso Nuovo PSI. Per l'ex assessore del garofano, la corte si ritira per emettere la sentenza "lasciateci pensare"

SOVERATO - In merito alla recente presa di posizione dei responsabili provinciali di Udc, Fi., An., liberal Sgarbi, Repubblicani e Patto Segni sulla collocazione del Nuovo Psi e sul danno all'immagine causato alla Casa delle Libertà, interviene Ernesto Crea, dimessosi recentemente dalla giunta Mancini dall'incarico di assessore, auspicando una verifica sui programmi e sugli equilibri politici di giunta. Cosa pensa a proposito delle questioni sollevate da parte degli altri alleati della C.d.L. relativamente alla coerenza del nuovo partito socialista? Francamente più che una verifica o un chiarimento da parte di forze alleate, le posizioni espresse da questi signori hanno tutta l'aria di un processo alle intenzioni del mio partito. Io sono convinto che se avessero invitato nelle consultazioni il Nuovo Psi allorquando hanno deciso la candidatura di Traversa alla provincia, forse oggi non saremmo qui a discutere, o meglio a dovere sostenere un processo con giudici immacolati pronti ad emettere un verdetto con certezza della pena. Giudici immacolati... in che senso? Nel senso che il loro agire sembra quello di una commissione inquirente preoccupata dei danni all'immagine alla C.d.L. causati dalle riflessioni a voce alta fatte da alcuni compagni. Intanto quando si esplicitano i dubbi, c'è tutta l'intenzione di aprire un dibattito, un chiarimento e non certo la volontà di attuare trasversalismi. I tradimenti non si annunciano a mezzo stampa. Non le sembra un "j'accuse" un po' eccessivo? Assolutamente no. Pensiamo al consigliere regionale dell'Udc, Talarico. Potrebbe spiegare egli come mai sul tema Lamezia provincia, l'On.le Pino Galati ha una posizione e l'Udc a Catanzaro ne ha un'altra? E come mai, lo stesso Talarico non ha contribuito ad effettuare la verifica auspicata dal Nuovo Psi sull'assetto amministrativo del comune di Soverato dove è in atto uno stravolgimento delle rappresentanze in giunta e non solo, a tutto vantaggio dell'Udc e a danno di un Nuovo Psi che pur facendo parte della C.d.L. non ha diritto ad avere la propria rappresentanza in giunta. E tutto questo in quanto "reo" di avere auspicato una verifica dei programmi elettorali siglati dai partiti della coalizione. Non solo Talarico non si è adoperato a sostenere la verifica, ma ha addirittura invitato a mezzo stampa, Forza Italia, a nominare il nuovo assessore al comune di Soverato in sostituzione del defestrato Peronace. Mi sembra di capire che esiste anche un caso Soverato collegabile a queste vicende.... Certo, è sotto gli occhi di tutti che la richiesta di verifica da parte del mio partito sulle vicende amministrative del comune di Soverato, è stata elusa dalle altre forze della coalizione che adesso, curiosamente, ne chiedono una sul Nuovo Psi a livello provinciale. In particolare, alla senatrice Ida D'Ippolito, vorrei chiedere se le sembra proficuo per l'immagine del suo partito che Pepè Froio dopo essere stato sfiduciato dal sindaco Mancini, per ottenere il suo reintegro nella giunta, sia dovuto passare al gruppo consiliare indipendente e cioè fuori da forza italia. Quali sono, a questo punto - mi chiedo -, le regole? E ancora spostandoci da Soverato, quali sono i motivi della defestrazione di Sebastiano Assisi, assessore provinciale degli azzurri? A Satriano, durante le ultime consultazioni amministrative quale era la posizione ufficiale di forza italia? Per farla breve: gli azzurri erano con Mimmo Battaglia sindaco uscente di alleanza nazionale o con chi altro? Sino a questo momento, ci sembra che abbia espresso un j'accuse molto ampio, ma ha anche qualche proposta da fare? Vorrei dire, a questi giudici improvvisati (non mi sembra di poter definire diversamente chi si appresta a sentenziare in questo modo), posto che evidentemente contiamo poco all'interno della C.d.L, (tanto da non essere consultati sulle candidature alla provincia di Catanzaro), di consentirci almeno la libertà di pensare e di riflettere sul significato politico della nostra presenza nella C.d.L. Fabio Guarna

Read More »

Rapina all'Ufficio Postale di Montepaone Lido

MONTEPAONE LIDO - Sabato mattina rapina all'ufficio postale di Montepaone Lido: il bottino è stato di 30.000 euro. Da una prima ricostruzione dei fatti sembra che i malviventi fossero due, entrambi a viso scoperto e armati uno di pistola e l'atro di una mazza di ferro. Non è la prima volta che si verificano episodi simili che prendono di mira l'ufficio postale del paese del basso jonio. Il fatto è accaduto intorno alle 8 dopo l'arrivo del furgone portavalori.

Read More »

Due atleti soveratesi portano alto il nome di Soverato all'estero.

Si prevede una stagione piena di successi per gli appassionati di arti marziali soveratesi. Ad esserne protagonisti saranno subito gli atleti dell'Athlon 2000 (palestra con piscina coperta). Il Maestro Lagani Salvatore Damiano è stato, infatti, convocato, dal 24 al 29 settembre, per il campionato mondiale di TaeKwonDo a Garmisch (Germania)...

Read More »