Soverato: verso le comunali. Intervista ad Ernesto Crea

Verso le comunali. A colloquio con il consigliere comunale Ernesto Crea, in forza al nuovo gruppo Federazione socialista al lavoro «Abbiamo avviato il dialogo sulle priorità amministrative in città» Il centrosinistra ingrana la marcia e si prepara agli appuntamenti del 2006. L'"Unione Progetto per Soverato" si compone di varie anime, fra cui quella riformista. A tal proposito abbiamo incontrato il consigliere comunale Ernesto Crea, in forza al gruppo appena costituito della "Federazione socialista che fa riferimento a livello regionale a Sandro Principe.«Intanto la Federazione socialista a cui faccio riferimento ­ precisa Crea ­ nasce come esigenza politica dopo il fallito tentativo dell'Unità socialista in quanto Boselli ha scelto la "rosa nel pugno"». Quali linee di indirizzo stanno caratterizzando quest'area a Soverato? «Innanzitutto abbiamo sostenuto alle primarie Claudio Rombolà, non perché le altre candidature non fossero sufficientemente rappresentative ma semplicemente perché abbiamo condiviso un percorso politico in "Progetto Comune" tale per cui la scelta oltre che opportuna è stata obbligata. Va da sé che il programma presentato da Claudio Rombolà con le priorità e i metodi individuati per il raggiungimento degli obiettivi indicati è sintesi delle diverse componenti fra le quali quella riformista». Come intende muoversi l'area riformista a cui lei fa riferimento? «La "Federazione regionale socialista" anche qui a Soverato intende favorire il processo di unificazione dell'area di sinistra per rendere ancora più incisivo l'impegno politico della componente riformista nella risoluzione dei problemi del paese. E questo partendo naturalmente dalla nostra regione. In città non sarà un compito facile ma certamente i nostri sforzi saranno orientati ad offrire ai cittadini un programma che loro stessi avranno contribuito a stilare». Per questo processo che mi sembra di capire aperto a tutta la sinistra soveratese, in maniera particolare quella riformista, si prevedono tempi lunghi? «Noi siamo già partiti con l'intento di dialogare in positivo con tutte le componenti della sinistra. La strada è già stata tracciata, le primarie sono una testimonianza di questa unità d'intenti, il resto sarà affidato agli incontri che da qui ad aprile dovranno mettere sul tappeto i vari nodi politici, ma sarà certamente un confronto sereno sulle priorità amministrative di Soverato». Quali sono queste priorità? «Intanto fornire la cittadina jonica di uno strumento urbanistico adeguato alle prospettive e alla sua storia che sia approvati dai rappresentanti del popolo, ovvero i consiglieri comunali. Un Prg che non stravolga il territorio e cerchi di sanare le situazioni irregolari tenendo conto dei reali bisogni dei cittadini senza false promesse e vane illusioni. è veramente singolare che il sindaco si rivolga alle giovani coppie, ergendosi a loro paladino, nel difendere una proposta di variante bocciata dalla Cur che non prevedeva assolutamente nulla di nuovo per Turrati. Né, tantomento in quella proposta urbanistica, è utile sottolineare, erano specificate le zone da adibire ad appartamenti per giovani coppie. Altre priorità sono: l'ordine pubblico, il ripristino dell'assistenza domiciliare agli anziani e una maggiore attenzione verso le problematiche giovanili, attraverso la creazione di centri d'aggregazione presso strutture comunali. Infine una maggiore sinergia con il mondo della scuola e della cultura». Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Soverato. La tabella di marcia dell'Unione

Soverato - Il primo incontro del 2006 de “L'Unione Progetto per Soverato” si è tenuto nella sede dei Democratici di sinistra di Soverato, sabato scorso. È stata, in buona sostanza, una riunione operativa organizzata dopo le primarie del 18 dicembre per discutere delle prime azioni da intraprendere finalizzate alla stesura definitiva del programma elettorale e per la messa in campo di una squadra pronta ad affrontare le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale. Ha introdotto i lavori il segreterio locale dei D.s. Mimmo Loiero che ha lasciato la parola al candidato a sindaco Claudio Rombolà, accolto da un applauso. Quest'ultimo innanzi ad una affollata assemblea ha sottolineato il successo di partecipazione delle primarie interpretandolo positivamente come segno della volontà dei cittadini di essere presenti alle scelte politiche. Quindi ha ricordato le regole operative che “L'Unione Progetto per Soverato” si è data ed ha elencato i primi atti da compiere. Innanzitutto, secondo Rombolà, entro febbraio sarebbe opportuno procedere al completamento del programma da sottoporre agli elettori. Un programma che dovrà tenere nel debito conto le priorità indicate dai cittadini con il voto delle primarie. Quanto alla individuazione dei nominativi che faranno parte della lista, per il candidato a sindaco de “L'Unione Progetto per Soverato”, è opportuno arrivare ad esse molto prima delle scadenze previste dalla legge, così da poter dare un segnale alla comunità soveratese di svolta e di cambiamento. Sulle modalità di individuazione delle candidature a consigliere si sono registrate diverse voci. Pietro Melia, dopo avere portato il saluto in qualità di portavoce de “L'unità Socialista” all'assemblea, si è dichiarato scettico su eventuali procedure di selezione dei candidati a consigliere attraverso l'assemblearismo, rivendicando pari dignità di ciascun partito della coalizione de “L'Unione progetto per Soverato” nella composizione della lista. A Melia ha subito ribattuto Rocco Paparazzo di Rifondazione Comunista che ha ricordato le regole già stabilite secondo le quali sarà l'assemblea a decidere i candidati. Di queste si è fatto garante Mimmo Loiero evidenziando come i dettami che hanno portato alla nascita dell'”Unione Progetto per Soverato” sono stati condivisi da tutti e pertanto non ha più alcun senso discutere nuovamente. Sarà dunque l'assemblea a decidere i componenti della lista e non i partiti, come nel suo intervento ha rimarcato Tommaso Lupo. “Non mi appartiene – ha detto Lupo – e non appartiene alla politica stare insieme solo per vincere, dimenticando che l'obiettivo primario è quello di impegnarsi per amministrare bene la città. Chi ha pensato che – ha concluso – bisogna sommarsi per vincere non ha interpretato nel modo giusto lo spirito che anima “L'Unione Progetto per Soverato”. Applausi per Franco Caruso, candidato alle primarie, quando ha dichiarato che “è dovere di tutti adoperarsi per trovare la soluzione migliore ad ogni questione legata all'obiettivo di amministrare al meglio la città. Ed è altrettanto dovere di tutti noi – ha concluso - rispettare la volontà della maggioranza anche quando questa non dovesse coincidere con la nostra”. Infine, si sono registrati altri interventi, fra questi Gaetano Mocciaro, Francesco Vaccaro e Mariella Alecci. Ha introdotto una novità nel dibattito Mimmo Tirinato il quale, dopo avere evidenziato il grande successo ottenuto da Claudio Rombolà alle primarie che lo hanno legittimato leader de “L'Unione”, ha proposto di procedere allo stesso modo per la selezione delle candidature a consigliere. “Perché affidarsi ad un'assemblea - ha concluso Tirinato – ridimensionando di fatto quella che è stata la grande partecipazione popolare delle primarie? “ Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Soverato 2006: il centrosinistra sotto il segno di Rombolà

Soverato - Politica soveratese in primo piano per il 2006. L'appuntamento con le urne si avvicina di giorno in giorno e gli schieramenti cominciano a incrementare il numero degli incontri per definire le candidature. Le migliaia di firme d'adesione al progetto dell'Unione dopo le primarie che hanno decretato la leadership di Claudio Rombolà sono diventate il punto di maggior riflessione e analisi. Sono stati 1400 i votanti ovvero circa il 25% dell'elettorato attivo soveratese. Si tratta di un dato che, se confrontato con quello delle primarie nazionali pari a circa il 10% d'affluenza alle urne (risultato commentato molto positivamente dal vincitore Romano Prodi e da tutta la coalizione) rappresenta un vero e proprio successo. Partendo da queste valutazioni diventate motivo di entusiasmo e fiducia ad affrontare l'appuntamento per il rinnovo del consiglio comunale il centrosinistra, trovato il suo leader, sta cominciando ad adoperarsi per la messa in campo di una squadra pronta a scendere in campo. Una formazione che terrà conto delle diverse componenti politiche che si ritrovano nell'Unione a cominciare da quella fortemente legata alla figura del candidato a Sindaco. Rombolà infatti fa riferimento a Progetto Calabrie, la lista dei Professori che alle regionali ha confermato Gianni Calabretta come il candidato più votato in città, in una sfida che ha visto quest'ultimo superare il sindaco in carica Raffaele Mancini in campo per Alleanza Nazionale. Claudio Rombolà gode inoltre dell'appoggio di Progetto comune che conta al suo interno la presenza di diversi amministratori di Pedalando volare insieme ad una vivace e consistente anima riformista e marxista. A questa forte base di consenso che ha assicurato al candidato a Sindaco dell'Unione più del 50% alle primarie si aggiunge il congenito sostegno dei partiti tradizionali dell'Unione. Insomma, quanto basta per far riflettere il centrodestra che ancora non ha dichiarato ufficialmente il nome del suo candidato, anche se si dà abbastanza per scontato quello di Raffaele Mancini. Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Ospedale di Chiaravalle, dopo i fondi è l'ora del plauso

Riconversione del San Biagio. Unanime compiacimento per i finanziamenti destinati al nosocomio Pino Soriero: "Una dura battaglia vinta da tutte le parti politiche" Chiaravalle - Scendere in piazza, manifestare, raccogliere le masse per una battaglia può servire. Lo sanno bene, i protagonisti di quel 6 novembre, che in corteo sfilarono per l'Ospedale S.Biagio di Chiaravalle. Fra questi, Pino Soriero, già sottosegretario del governo Prodi che sfilò insieme ai sindaci, agli operatori sanitari e ai cittadini del comprensorio del basso jonio a difesa del nosocomio chiaravallese. Erano stati richiesti interventi urgenti per la riconversione ed oggi la bella notizia viene commentata così dall'esponente politico diessino. "Esprimo viva soddisfazione - dice- per lo stanziamento di nove milioni di euro che arriva dopo una dura battaglia che ha impegnato le forze del centrosinistra insieme a tanti cittadini". Soriero non manca con vero fair-play di riconoscere anche la sensibilità e l'attenzione manifestate dal centrodestra per la risoluzione del problema. Una questione che non ha naturalmente alcun colore politico ma mira a garantire la migliore tutela per la salute dei cittadini. Secondo Soriero, che non manca di sottolineare come la notizia del finanziamento di 9 milioni di euro cada proprio nel giorno in cui in Calabria non si paga più il ticket sanitario così come voluto dalla giunta Loiero, gli interventi che seguiranno dopo lo stanziamento a Chiaravalle rappresentano una traccia da seguire per il futuro in materia di politiche sanitarie. Una sanità - continua Soriero - che sappia coniugare i bisogni dell'utenza valorizzando le risorse disponibili, creando centri di riferimento senza disperdere energie in sterili polemiche che non giovano ad un'azione sinergica fra strutture territoriali. Insomma un esempio da seguire e per il quale dichiara Soriero "dobbiamo molto a Vincenzo Mungari, senatore e presidente dell'Inail, il quale ha immediatamente compreso l'importanza e l'urgenza di quanto si andava chiedendo, e che mi sento di dovere pubblicamente ringraziare". Naturalmente a giovarsi dei servizi del nuovo S.Biagio, non sarà solo l'utenza del Chiaravallese. In questo senso anche Cosimo Femia, sindaco di Davoli e consigliere provinciale D.s., non ha mancato di plaudire all'evento rimarcando come la riconversione del S.Biagio a nuove funzioni potrà essere fruita non solo dai paesi che strettamente fanno capo a Chiaravalle, ma anche da quelli che, come Davoli, avranno a disposizione il più vicino possibile al loro territorio una struttura di cui si avverte il bisogno. Naturalmente, conclude Femia, quando ci si mobilita si ottengono risultati. E in questo senso, si vede concretizzato quanto rivendicato dai sindaci delle pre-serre e dalle popolazioni da quelli amministrati. Fabio Guarna (Fonte: il Qu otidiano della Calabria)

Read More »

Satriano, consiglio comunale: Suppa surroga Matozzo

Satriano - I punti all'ordine del giorno del consiglio comunale che si è tenuto a Satriano erano quattro. Fra questi la surroga del consigliere ed assessore Teodoro Matozzo, recentemente deceduto. È stato quindi per i consiglieri un civico consesso vissuto con tristezza e nel ricordo del collega scomparso. Per Matozzo, in avvio di seduta, hanno speso parole di elogio, ricordandolo come uomo, professionista e politico che molto ha contribuito al miglioramento della collettività satrianese, Pino Basile, Francesco Battaglia, Annibale Mellace e il primo cittadino Domenico Battaglia. A surrogare il consigliere sarà Raffaele Suppa, presente fra il pubblico e primo dei non eletti della lista vincitrice delle elezioni, a cui apparteneva Matozzo. Si è deciso che Suppa assumerà lo status di consigliere dal prossimo consiglio comunale. Dopo la rituale approvazione del verbale brogliaccio e dei verbali delibere del 4 luglio 2005, il consiglio ha discusso sui criteri generali per la monetizzazione delle aree e standard e delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria ai sensi dell'art. 178 del regolamento edilizio. Il dibattito ha registrato la proposta della maggioranza e ha espresso le obiezioni dei consiglieri di minoranza. Secondo Basile e Riverso i criteri proposti dalla maggioranza avrebbero meritato un maggiore approfondimento in merito ad alcuni aspetti soprattutto di natura interpretativa. E se Basile ha puntato il dito su alcune contraddizioni di quanto stava per essere deliberato, Riverso ha chiesto di poter trattare l'argomento con la presenza di un tecnico che potesse fornire delucidazioni. A nulla sono valse, le obiezioni. Il sindaco dopo avere spiegato che sull'argomento gli uffici comunali sono sempre a disposizione per fornire chiarimenti e che questi ultimi avrebbero potuto essere richiesti prima dello svolgimento dell'assise da parte della minoranza, ha illustrato la proposta indicando i vantaggi che a suo giudizio, soprattutto in termini di trasparenza, essa offre. Il punto è passato a maggioranza, contrari Basile, Riverso e Viscomi. All'unanimità, invece, l'ultimo punto all'ordine del giorno ovvero "esame ed approvazione bozza di convenzione per la disciplina dei rapporti tra amministrazione e l'associazione di volontariato Edelweiss per attività integrative di interessi o per interventi di emergenza legati ad avvenimenti eccezionali e/o imprevedibili. Autorizzazione al presidente p.t. della comunità versante Jonico, alla sottoscrizione per conto dell'amministrazione". Assenti Luciano Battaglia, Barbara Arona, Rossella Betrò e Antonella Bevacqua. Quest'ultima ha inviato una comunicazione, letta dal primo cittadino, nella quale ha lamentato la mancata convocazione dei capigruppo per decidere la data del consiglio comunale e ha giustificato la sua assenza per improrogabili impegni assunti. Fabio Guarna (Fonte: ilQuotidiano della Calabria)

Read More »

Soverato convegno su sana alimentazione e salute

La Palestra Flex Gym è lieta di invitarvi alla presentazione del Il I° Convegno su: Sana Alimentazione e Salute "Flex Life Style" Sarà illustrato il programma del convegno che si svolgerà a Domenica 18 Settembre 2005 ore 10:00 presso i locali del supercinema; relatori: Prof. Attilio Giacosa; nutrizionista, ricercatore INRAN e direttore della Struttura Complessa di Gastroenterologia e Nutrizione Clinica dell'Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro (IST) di Genova Dott.ssa Maria Antonella Cauteruccio; psicologo della salute e coord. del Progetto Sana Alim. in Calabria Dott. Domenico Mammone; specialista in medicina dello sport Prof.ssa Camilla Chiefari ; coordinatrice del progetto Sana Alimentazione a Soverato scuola "Ugo Foscolo" Prof. Ugo Muraca; docente di fisiologia umana, facoltà di medicina di Messina Siamo certi che la divulgazione di informazioni utili su una sana alimentazione può consentirci uno stile di vita più sano, longevo e felice. La A.S.d. Flex Gym con sede a Davoli Marina e Soverato è una associazione sportiva nata nel 1996 e persegue come obiettivo principale il benessere. I numerosi articoli pubblicati testimoniano come la stessa con il suo presidente Gianni Sgrò sia sempre attenta alla ricerca della salute e del benessere. Di seguito elenchiamo dei numeri che interessano la sanità: - 12.500 gli infarti e gli ictus che colpiscono ogni anno gli italiani - 44 la percentuale dei decessi per malattie cardiovascolari - 50 la percentuale dei casi che si possono prevenire con i giusti controlli - 30 i minuti da dedicare ogni giorno al movimento per allenare il cuore - 1800/2200 le calorie necessarie ad un adulto che svolge normale attività. - gli ultra sessantenni rappresentano il 24,5 % della popolazione, ma nel 2025 saremo il 35 % … - le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente di morte in europa (oltre 4 milioni di morti all'anno) - il diabete colpisce il 6% della popolazione ma nel 2025 si prevede che i malati saranno il doppio.. - 108 cm la circonferenza massima del girovita nell'uomo e 80 nella donna; con l'aumentare di questa misura aumentano i rischi legati al oprappeso - 130-80 nell'uomo e 120-70 nella donna è la pressione massima sopra la quale è già ipertensione. Questo e tanto altro ancora per la tutela dei nostri cittadini per tutti la parola chiave è "prevenzione". Vi aspettiamo presso la Sala Consiliare del comune di Soverato, Venerdì 2 Settembre alle ore 18:00 Certi di un vostro interesse per una tematica così importante da un punto di vista sociale, attendiamo un vostro contributo per realizzare questo nostro piccolo ma grande obiettivo.

Read More »

Satriano: Festa de l'Unità

RelatoriDa sinistra: Giovanni Puccio, Vincenzo Codispoti, Pino Basile, Michele Drosi, Pino Soriero, Tonino Riverso Satriano - Per discutere di Satriano, delle prospettive di sviluppo e delle problematiche che in questi anni sta attraversando il paese, i democratici di sinistra dell'unità di base locale hanno scelto per la festa de l'Unità Piazza Spirito Santo, in pieno centro-storico. Prima degli interventi è stato proiettato un video di circa 15 minuti durante il quale sono state messe in evidenza e stigmatizzate situazioni di degrado in cui versano alcune zone della cittadina. Quindi ha preso la parola Michele Drosi, della direzione regionale del partito il quale, dopo avere puntato il dito contro la politica attuata in questi anni dall'amministrazione comunale, ha ribadito la necessità di un cambiamento per il paese lanciando un appello a partiti, associazioni, uomini della società civile e cittadini tutti per la costruzione di un programma di rinnovamento da proporre alle prossime amministrative. Un programma che abbia fra i suoi obiettivi anche quello di garantire una coesione sociale fra i satrianesi. Dopo Drosi ha parlato Vincenzo Codispoti del direttivo di sezione che ha ricordato le iniziative condotte dai D.s. a difesa della collettività satrianese a cominciare da quella per il mantenimento della postazione del 118, trasferito, da poco nel Comune di Montepaone. L'esponente politico ha parlato anche della protesta per il completamente della SS106 senza tralasciare di stigmatizzare l'operato dell'amministrazione comunale che a Satriano da diversi anni ha lasciato inoperanti il centro di aggregazione sociale e quello culturale intitolato a Galateria. Codispoti, dopo avere ciriticato l'On.Pittelli e il Sen. Bevilacqua, stigmatizzando la loro inerzia, a fronte dei problemi del territorio, ha auspicato la candidatura di Pino Soriero, già sottosegretario del governo Prodi, alle prossime elezioni alla camera, dichiarando il pieno impegno dei D.s. satrianesi per il successo di quest'ultimo. Pino Basile, consigliere di minoranza si è soffermato sull'iniziativa del primo maggio, portata avanti per la difesa della postazione del 118 in Marina. L'intervento del consigliere di minoranza, così come quello di coloro che lo hanno seguito, è stato breve, per consentire a tutti i relatori di potere intervenire. E questo a causa della pioggia che alternandosi rapidamente alle schiarite ha minacciato lo svolgimento del dibattito. Tonino Riverso, presidente della federazione regionale architetti, invece, ha sottolineato come dal punto di vista urbanistico sia importante cominciare a ragionare in termini di pianificazione intercomunale per progettare nuove politiche di sviluppo che consentano a comuni contermini come Soverato, Satriano e anche Davoli di interagire utilizzando servizi in comune. Romualdo Pasquino, rettore dell'Università di Salerno, in vacanza a S.Caterina di cui è originario, presente fra il pubblico, è intervenuto manifestando disponibilità di collaborazione da parte dell'istituzione con i comuni del comprensorio. Giovanni Puccio, della direzione regionale del partito e sindaco di Botricello ha ripreso i temi accennati da Riverso e Pasquino, sottolineando l'importanza della conurbazione e del concorso tra enti e istituzioni per lo sviluppo del territorio. Ha tirato le conclusioni l'On.le Pino Soriero lodando l'efficacia del dibattito intercorso ed evidenziando come sia indispensabile che il Comune di Satriano esca dall'isolamento in cui versa e ciò mediante una nuova politica aperta alle prospettive del futuro per la quale la formazione cui egli appartiene intende profondere il massimo impegno. Ha sottolineato la necessità che si faccia squadra e ha deplorato il progressivo deterioramento di istituti e circoli che in passato non hanno mancato di dare lustro e spessore alla vita cittadina contrassegnandone il fermento culturale e che, come ad esempio il circolo Galateria, sono ormai affatto inoperosi. Infine, sull'importanza della cultura per una collettività, Soriero ha riferito dell'esperienza dell'associazione "Il campo" di cui è presidente, finalizzata a creare condizioni di interscambio culturale e di promozione operativa tra alcune prestigiose università italiane e quella di Nassyria in Iraq. Fabio Guarna (Fonte: ilQuotidiano della Calabria)

Read More »

Soverato, controesodo? Meglio rientro.

Controesodo in atto? Forse la parola esodo, coi movimenti biblici, che evoca è da considerare nel nostro caso, eccessiva. Più propria è forse la parola rientro e non già dei turisti, altra parola grossa, ma piuttosto dei vacanzieri, alcuni residenti pochi chilometri oltre il territorio del soveratese. Essi spesso programmano le loro vacanze, fittando un appartamento in città o trasferendosi nella seconda abitazione, riconosciuta genericamente come la "casa a mare". Per il resto la vacanza è iperprogrammata e fatta di sole, mare, passeggiate sul lungomare e spettacolo o manifestazione ludica organizzata dalle locali associazioni o amministrazioni comunali. Poi ci sono i tanti emigranti che fanno ritorno per ritrovarsi con parenti e amici. Infine ci sono i turisti veri e propri, quelli che vengono da fuori regione o Italia, spesso giunti sulle nostre coste, grazie ad abili tour-operator che riescono a riempire i nostri villaggi. E nel residence estivo questi trascorrono gran parte del loro tempo, grazie ad animazioni e iniziative di intrattenimento. Per i restanti turisti che scelgono di vivere l'estate soveratese può accadere, e sembra in alcuni casi accaduto, di ritrovarsi a fare i conti con la "serendipity". Di cosa si tratta? Lo scrittore inglese Horace Walpole coniò un vocabolo: appunto "serendipity" che significa l'attitudine a trovare ciò che non si sta cercando. Ebbene sulle auto dei vacanzieri che fanno ritorno dalle ferie del soveratese di "serendipity" ce ne sarà stata tanta. Soprattutto se ci si ferma a guardare all'interno di esse e si scorgono signori di mezza età o famigliole tranquille e serene, tutte affannate a imboccare il segnale giusto che li porti sulla autostrada del sole, sperando che quest'ultimo magari non sia troppo forte. Così, chi era arrivato a godersi il mare e vivere all'insegna della serenità la sua vacanza, avrà fatto un'esperienza diversa da quella che aveva programmato e che certamente non stava cercando. Serenità e tranquillità necessitano di un sonno indisturbato e, a sentire le lamentele, sembra che i fastidi causati dall'alto livello acustico degli spettacoli notturni nella cittadina jonica quest'estate si siano ripetuti spesso. E questo altro non è se non "serendipity". Così come lo è quando il turista va a cercare un buon ristorante e invece scopre sulla costa una spiaggia fatta ad hoc per le sue abitudini, o quando il ragazzino rassegnato a dover stare lontano dai miti della televisione che tutto l'anno gli hanno tenuto compagnia, trova alla festa del paese invece della banda gli amici della De Filippi, con il dispiacere dei nonni che spesso devono accettare che anche le feste patronali sono cambiate. Ma da dove arriva questo termine, abbastanza di moda in America e che sembra fatto al caso nostro? La spiegazione la troviamo in uno scritto di Beppe Severgnini che dice: "secondo la leggenda, il sultano di Serendip (l'attuale Sri Lanka) partì per cercare l'oro. Si spinse lontano, attraverso' monti e vallate, ma non lo trovo'. Trovo invece tÈ di qualita' superba, che alla fine si rivelò più prezioso dell'oro. Basandosi su questo e altri racconti popolari dove gli eroi facevano scoperte per caso, lo scrittore inglese Horace Walpole (1717-1797) conio' il vocabolo 'serendipity' ". Ed allora se i nostri turisti non hanno trovato la tranquillità che cercavano ma hanno scoperto però uno splendido mare, delle manifestazioni culturali di qualità e degli ottimi piatti, soprattutto di pesce, sarebbe bello che portassero questi ricordi con loro, come il Tè di qualità che si rivelò più prezioso del metallo pregiato. Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

È morto in un incidente Lucio Moraca

Comunità soveratese sconvolta per il terribile incidente nel quale ha perso la vita domenica pomeriggio il giovane Lucio Moraca. Lucio si trovava a bordo della sua moto nella pre-sila quando per cause ancora da accertare è sbalzato dalla sella. Ci lascia un bravissimo ragazzo, un esperto in informatica, settore in cui Lucio operava con successo, un amico sincero e leale di cui Soverato sentirà per sempre la mancanza.

Read More »