Satriano, cronaca

Oggi "Il Quotidiano della Calabria" riporta la notizia in apertura di pagina "Soverato e dintorni" che a Satriano una donna con problemi di alloggio e senza un posto di lavoro certo ha tentato il suicidio provando a lanciarsi dalla finestra del Comune dove si era recata per chiedere un alloggio popolare. Gli impiegati comunali e i vigili urbani hanno impedito che la donna potesse compiere l'estremo gesto. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine con tempestività che hanno invitato la donna a tranquilizzarsi.

Read More »

De Bello Civili, Liber I, Caesar – Traduzione libera

De Bello Civili, Liber I, Caesar - Traduzione liberaTESTO LATINOLitteris Cai Caesaris consulibus redditis aegre ab his impetratum est summa tribunorum plebis contentione, ut in senatu recitarentur; ut vero ex litteris ad senatum referretur, impetrari non potuit. Referunt consules de re publica [in civitate]. [Incitat] L. Lentulus consul senatu rei publicae se non defuturum pollicetur, si audacter ac fortiter sententias dicere velint; sin Caesarem respiciant atque eius gratiam sequantur, ut superioribus fecerint temporibus, se sibi consilium capturum neque senatus auctoritati obtemperaturum: habere se quoque ad Caesaris gratiam atque amicitiam receptum. In eandem sententiam loquitur Scipio: Pompeio esse in animo rei publicae non deesse, si senatus sequatur; si cunctetur atque agat lenius, nequiquam eius auxilium, si postea velit, senatum imploraturum.TRADUZIONE LIBERADopo che la lettera di Caio Cesare fu recapitata ai consoli, si  riuscì con fatica che questi, dopo la viva insistenza dei tribuni della plebe, leggessero il contenuto in senato; ma non si riuscì ad ottenere che sull'argomento si aprisse una discussione in senato. I consoli riferiscono sulla situazione politica cittadina. Il console Lucio Lentulo dichiara che non mancherà  il suo sostegno al senato e alla Repubblica, se i senatori vorranno esprimere le proprie opinioni con coraggio e decisione; se invece essi hanno deferenza per Cesare e ricercano la sua amicizia, come hanno fatto nei tempi passati, egli assumerà una posizione nel proprio interesse senza piegarsi all'autorità del senato; del resto anch'egli ha modo di trovare riparo nella benevolenza e nell'amicizia di Cesare. Allo stesso modo si esprime Scipione: è nell'animo di Pompeo difendere la Repubblica, se il senato lo appoggia; ma se il senato non si sa decidere o agisce con troppa debolezza, se in seguitò lo vorrà, invano supplicherà il suo aiuto.

Read More »

Elegia al padre di Vincenzo Guarna

Ora che il dolore s'allontana e il tempo della tua morte, mi si rischiara intera la solitudine che seppero i tuoi ultimi anni dopo che un cardiologo ti trovò danneggiato il miocardio e compromesse, al limite, le arterie...Come un animale ferito, sedevi la gran parte dei tuoi giorni nel tuo angolo di stanza e il tuo silenzio, come un rimorso senza colpa, mi feriva e offendeva. Poi ti guardavo, così esile, così perduto nel lembo di vita che t'avanzava e si scioglieva la mia rancura in una pena muta.Fuori il paese squallido e inerte, la tua antica nostalgia, la pietra di paragone mentre, di lontano, solo, senza studi e ambizioso ti faticavi il tuo povero successo nella carriera della Guardia di Finanza. Io pensavo al ritorno, una stupita mattina d'infanzia.Ho ricostruito la tua vita sull'ordito dei tuoi avari ricordi, delle rare confidenze: l'infanzia miserabile e orgogliosa, le lodi dei maestri di scuola per il tuo forte ingegno, le vuote esortazioni a continuare gli studi, il futuro segnato, di stenti e umiliazioni nella squallida bottega di tuo padre…E già i tuoi antichi compagni di scuola s'erano mutati: quelli avviati agli studi, con gli occhiali, i discorsi tra loro, il disagio d'ignorarti; quelli chiusi nella fatica con un cupo orgoglio di condannati; gli altri, irrassegnati, emigravano in America o popolavano – col pietoso sdegno del parroco, dal pulpito, le domeniche – violenti e neghittosi le osterie.Nelle sere di luna, di strade Deserte, di rare finestre illuminate ai palazzi, di silenzio, solitario suonavi la chitarra e ti nasceva dal ritmo, soave e dolorosa, d'emergere alla chiusa dignità del medico, del maestro, dell'avvocato, una smania lunga che credevi invidia ed era, inerme e inconsapevole, un senso di giustizia e di rivolta.Fin quando un manifesto affisso nell'atrio del Comune ti persuase ad arruolarti nel corpo della Guardia di Finanza. E venne l'ora della partenza, un giorno gelido e tempestoso di febbraio del millenovecentosedici. Avevi diciotto anni. A piedi, solo t'avviasti verso la lontana stazione ferroviaria  di Soverato piangendo d'incertezza e di nostalgia.Io so di una notte che trascorresti all'addiaccio, tremando di freddo e di paura in un cimitero sul fronte d'Albania. Di tutta la guerra che ti travolse nel delirio d'Europa non mi resta da te, che questo fragile ricordo.Poi la pace, rapidi avvenimenti di violenze, di sangue e di silenzio duro, improvviso, lungo. Non potevi capire, nessuno t'aiutava, oltre uno smarrito senso di sconfitta vasta, invisibile. Frequentavi il corso allievi sottufficiali, diventasti vice-brigatiere.Ora, di quando in quando, ritornavi Al paese e i notabili, con una punta (sempre meno palese) di condiscendenza ti tenevano uno di loro, e gli antichi studenti era come se non ti avessero mai dimenticato. Ma quelli dell'osteria usavano con te una rancurosa confidenza simile a un rimprovero immeritato.Poi fu la nostra infanzia, Zara, Orsera, Fiume, S. Martino, Mattuglie, Caisole. Di quegli anni non mi restano che questi nomi, come un'eco smarrita della memoria.L'Europa s'estenuava in un'angoscia di terrori e speranze quando ti vinse la nostalgia dei ritorni. Il mio ricordo degli anni che seguirono è di prati e di colline perpetuamente nel sole oltre le case e i vicoli squallidi, di donne sulle soglie attente ad una violenza lontana come una leggenda, che le scuoteva a giorni, in urla di dolore.Definitivamente entrato nell'accolita dei notabili del paese ne scoprivi, antichi e irrimediabili, l'inganno, l'ipocrisia, il vuoto che si nutriva d'odi meschini, di grottesche risse, di vile prepotenza…Non avevi scelta. Accettare quel mondo non sapevi. Ma era la meta di lunghi anni, di tenaci sogni, non osavi distaccarti. Fuori d'esso era maggiore il vuoto, più sordo, più corrotto, ostile a quella che solo potevi dare, inutile pietà. Eri prigioniero della tua vita.Ora intendo i tuoi lunghi silenzi delusi e amari, l'ire eccessive e improvvise, l'ironie il disprezzo. Ora intendo la confusa, tenace, smisurata speranza del mio avvenire. Con la fede d'un escluso credevi alla cultura come a un bene sicuro e vasto d'umanità, di forza e di giustizia.Non si vince da soli. È assai che tu abbia salvato lungo la tua vicenda, fra le nebbie dell'ignoranza, dell'orgoglio lusingato, il senso della giustizia e della misura, l'ironia, il rispetto agli altri, la dignità dinnanzi a te stesso. Di più non potevi.T'aveva anche deluso la viltà della mia solitudine, quando come un'insidia certa e inevitabile prese a serpeggiarti nelle vene, la morte. Era ormai la vecchiezza. Il paese nella sua vicenda incessante di risse e di miseria, di fughe e di ritorni, straniava. T'avanzava di tutta la tua vita, un senso scontroso di vuoto e intense tenerezze. Io non potevo capire che a tratti, in silenzio.Ora è un giorno d'ottobre, Satriano è lontana, la giovinezza è finita, da anni sei morto. E io non voglio credere ch'è stata inutile la tua vita.Vincenzo Guarna

Read More »

Drosi si mobilita e dà priorità ai giovani

Prosegue senza sosta il calendario degli incontri del candidato a sindaco  per il “Movimento per l'alternativa di Governo a Satriano”, Michele Drosi. L'esponente politico attualmente dirigente regionale dei democratici di sinistra e segretario dell'Unità di Base locale, ha dichiarato di puntare molto sulle c.d. “quote arancioni” e presto a tal proposito incontrerà un gruppo di giovani della cittadina jonica. Si è parlato di quote arancioni in occasione dell'ultima tornata elettorale quando  un gruppo di giovani milanesi ha lanciato un'originale idea al salone della triennale: riservare a chi ha meno di quarant'anni un numero di posti in politica. La proposta è sembrata dapprima un grido nel silenzio, poi è andata avanti al punto da occupare una mezza pagina del “Corriere della Sera”...L'argomento naturalmente ha coinvolto all'epoca anche le realtà politiche locali, tutte alle prese nell'allestimento delle liste per la campagna elettorale.  Ed oggi il discorso a meno di un anno  è rimbalzato a Satriano. “Valorizzeremo quanto più possibile le energie giovani - ha dichiarato Michele Drosi - per rendere protagonista la gioventù satrianese del futuro della cittadina jonica. parliamo di giovani - ha proseguito Drosi - e lo facciamo non come solitamente si fa per luogo comune, ma perché realmente crediamo che essi possano rappresentare la linfa e la spinta propulsiva per una città che è entrata nel terzo millennio”. Insomma quanto basta per dire che sembrerebbe già iniziata la campagna elettorale per il neonato  “Movimento per l'alternativa di Governo a Satriano” che al momento può contare sul sostegno dei Democratici di Sinistra, della Federazione dei Socialisti Calabresi, della Democrazia Cristiana, dell'Associazione il Campo, del Gruppo Autonomo e del Gruppo “Donne per Satriano” .

Read More »

Risultati e classifica VI giornata campionato di promozione girone A (Calabria). Il Montepaone perde 3 a 1 contro la prima in classifica Luzzese

Promozione girone A - VI giornata - risultati e classificaIl Montepaone perde con la prima in classifica e restando a 3 punti viene raggiunta dalla Raffaele Nicastro...Colosimi-Simeri Crichi 0-0 Cutro-S.Fili 5-1 Mirto Crosia-Fuscaldo 0-0 Montepaone-Luzzese 1-3 N.Audace-Schiavonea 0-2 Promosport-Isola C.R. 1-0 R.Nicastro-Azz.Rossano 2-0 Tiriolo M.-Amantea 4-1ClassificaLuzzese 14;Tiriolo e Cutro 13;Schiavonea, Promosport e Simeri Crichi 11;Azzurra Rossano 10;C.Amantea 9;Colosimi e Isola C.R. 7;Fuscaldo, Mirto Crosia e Nuova Audace 5;R.Nicastro, Montepaone e S.Fili 3

Read More »

Campionato seria A settima giornata, l'Inter pareggia ma resta al comando

Scudetto InterL'Inter porta a casa un punto nella sfida contro l'Udinese e mantiene il primato in classifica (15 punti), ma viene raggiunto dal Palermo vittorioso a San Siro contro il Milan di Ancelotti; a due lunghezze la Roma che pareggia in casa (gol di Totti) con il Chievo dopo essere andata in svantaggio...Serie A - Risultati settima giornata Atalanta-Sampdoria 3 - 2 Cagliari-Torino 0 - 0 Catania-Lazio 3 - 1 Fiorentina-Reggina 3 - 0 Livorno-Siena 0 - 0 Messina-Empoli 2 - 2 Milan-Palermo 0 - 2 Parma-Ascoli 1 - 0 Roma-Chievo 1 - 1 Udinese-Inter 0 - 0

Read More »

Calendario settima giornata di serie A

Serie A - le sfide della settimana: fari puntati su Udinese-Inter e Milan-Palermo 7^ Giornata Atalanta-Sampdoria Cagliari-Torino Catania-Lazio Fiorentina-Reggina Livorno-Siena Messina-Empoli Milan-Palermo Parma-Ascoli Roma-Chievo Udinese-Inter

Read More »